L’energia della nostra casa

iStock_000084474059_Large (1)

Un caffè caldo ed un bel libro dalle pagine fruscianti sono i migliori compagni di un pomeriggio d’inverno; ma prima di tutto è il calore della nostra casa a scioglierci nel dolce abbraccio di quelle pagine.

E qui viene la parte difficile.

Nel nostro paese il patrimonio edilizio è composto in massima parte da edifici troppo vecchi per poterci garantire livelli di comfort adeguati agli standard del mondo contemporaneo, senza affrontare una spesa energetica spesso proibitiva. Si calcola (fonte: Sole24ore) che quasi la metà degli edifici delle nostre città abbia più di quaranta anni: va da sé che con un parco abitazioni in questo stato difficilmente si possa pensare di ottenere prestazioni performanti da un punto di vista termico.

E’ un problema che crea disagi a molti livelli.

Innanzi tutto è un danno per le nostre tasche: l’energia è uno dei beni più costosi del bilancio familiare ed un edificio in cattivo stato è decisamente energivoro. Come se versassimo acqua in un secchio bucato, spesso ci ritroviamo a riscaldare ambienti che non riescono a trattenere questo prezioso calore e lo disperdono all’esterno, costringendoci ad aumentare il tempo o l’intensità del riscaldamento.

In secondo luogo si accelera la riduzione delle scorte di energia. Le fonti energetiche che in larga parte usiamo oggi nelle nostre abitazioni non sono infinite: prima o poi si esauriranno ed a quel punto in pochi decenni avremo depauperato il nostro pianeta di risorse che si sono formate in milioni di anni. Se anche questa prospettiva dovesse essere lontana, il declino degli approvvigionamenti peserà comunque sul prezzo dell’energia perché si investiranno somme sempre maggiori per trovarla ed estrarla.

In ultimo, ma non certo per importanza, c’è il problema ambientale: anche se per magia tutte queste risorse fossero infinite, e data la sovrabbondanza il costo fosse irrisorio, perché ricorrere oltre il dovuto ad un prodotto che per essere raffinato, stoccato, distribuito e consumato crea squilibri ambientali che verranno pesantemente pagati dalle generazioni future?

Fortunatamente c’è l’altra faccia della medaglia.

63203237_thumbnail

Ed è la faccia dove grazie ad anni di cultura e di ricerche si è giunti ad una maggiore consapevolezza ambientale e ad una profonda capacità tecnica: da una parte siamo sempre più in grado di ricorrere efficacemente a fonti di energia che non lascino una pesante eredità ai nostri figli, le cosiddette “rinnovabili”; dall’altra abiamo imparato a costruire case che anche di queste energie consumano poco, pochissimo o addirittura nulla. La strada è ancora lunga ma anche grazie ad un impianto di norme che è cresciuto negli anni, oggi si è creata una filiera virtuosa fra produttori, costruttori, progettisti, tutta orientata alla realizzazione di edifici sempre più performanti. Resta da rafforzare l’anello debole di questa catena: il committente che sempre più deve essere messo in condizione, economicamente e culturalmente, di mettere in moto una macchina dalle grandi potenzialità.

Per poi leggersi un bel libro al caldo.

I vantaggi di avere una Casa in Legno

Nell’immaginario collettivo le case in legno appaiono come edifici leggeri, destinati a durare per un periodo di tempo limitato, soggetti ad attacchi di agenti atmosferici, muffe e fuoco.

Ecco dei buoni motivi per farvi cambiare idea e dimostravi che il legno è il materiale da costruzione ideale per realizzare abitazioni sicure e durevoli negli anni.

whywood_900x192

1 – Durevolezza

Una casa in legno se ben progettata può durare in eterno; è possibile trovarne validi esempi in nord America e in nord Europa, dove le case in legno hanno più di un secolo “di vita”.

Il concetto di durabilità di una struttura in legno è strettamente legato al principio di manutenzione, anche minimo, che qualsiasi tipo di costruzione necessita.

 

2 – Libertà progettuale

Costruire in legno equivale a realizzare costruzioni leggere e snelle; una struttura più leggera, con spessore delle pareti ridotto, dà al progettista grande libertà progettuale.

Le case in legno possono avere un design raffinato e prevedere ampi spazi, grazie alla libertà compositiva che il legno dà. I pregi di questo materiale hanno fatto sì che, oggi, molti architetti di fama mondiale prediligano il legno sia per il suo pregio architettonico sia per le sue qualità costruttive.

Il legno è il materiale adatto a costruzioni multi piano; con una corretta progettazione non si hanno limiti nella costruzione.

3 – Solidità

Le case in legno hanno caratteristiche di durata, stabilità, solidità e abitabilità migliori delle case in mattoni e cemento.

Può sembrare paradossale, ma una casa in legno è più sicura anche in caso di incendio. Il legno mantiene le proprie caratteristiche strutturali anche ad alte temperature, in quanto la sua autocombustione avviene a 300° C, mentre la deformazione dell’acciaio e il rischio di crolli in una struttura di cemento armato si hanno già a 200°C.

In caso di incendio, il legno si carbonizza in superficie proteggendo la sua struttura interna, si crea così uno strato protettivo sulla struttura che rallenta la velocità della fiamma, fungendo da isolante e preservando la staticità, che non viene compromessa.

4 – Rapidità di esecuzione

Realizzate direttamente all’interno dello stabilimento aziendale, le nostre strutture in legno hanno tempi di costruzione, montaggio e consegna ridotti rispetto alle tradizionali costruzioni in calcestruzzo, qualsiasi sia la stagione.

Inoltre, rispetto ad altri materiali, al legno non occorrono tempi per il disarmo e per l’asciugatura, tutto a vantaggio dei tempi e della qualità delle lavorazioni.

Ovviamente i tempi di costruzione di una casa in legno variano a seconda della tipologia e della complessità del progetto, nonchè dalle dimensioni; in ogni caso, noi di Area Legno, assicuriamo tempi di realizzazione competitivi. In media stimiamo che, per una casa in legno monofamiliare di circa 150 mq, impieghiamo circa 60 giorni per la progettazione, 30 giorni per la produzione e 45 giorni per la posa in opera.

5 – Sostenibilità

Erroneamente si pensa che costruire case in legno danneggi l’ambiente, in realtà è il miglior modo per rispettare la natura.

Innanzitutto, il legno è un materiale ecologico e naturale; quasi tutti i materiali dell’edilizia tradizionale necessitano di energia per la loro fabbricazione, mentre il legno è la materia prima rinnovabile per eccellenza, non richiede dispendio di energia per la sua realizzazione, all’infuori di acqua e sole necessari alla sua crescita.

Inoltre, il legno è un ottimo isolante; le caratteristiche del legno consentono di trattenere e rilasciare il calore, ciò si traduce in un risparmio energetico che può variare dal 15% al 35-40% rispetto una casa in muratura, il tutto a vantaggio dell’ambiente.

6 – Sicurezza sismica

Test sismici hanno dimostrato che il legno è il materiale da costruzione perfetto per edificare case e strutture in luoghi altamente sismici perché:

  • il legno è un materiale duttile;
  • il legno è un materiale leggero;
  • il legno è un materiale resistente.

Le caratteristiche di leggerezza e resistenza rendono lestrutture in legno elastiche e adatte ad affrontare eventi sismici, riescono infatti ad assorbirne meglio le scosse, limitando così le lesioni alla struttura.

 

Let us outline the absolute most normal archetypes in the market planet.

This educational article offers the responses to different questions about essay writing and suggests important strategies for students. Consequently, writing a great essay is not any way difficult nevertheless it’s not very simple as nicely, it’s crucial for you to consider several points before writing an outstanding essay which largely comprise a suitable structure, topic choice, thesis declaration etc.. Leggi tutto “Let us outline the absolute most normal archetypes in the market planet.”